Crea sito

Tag Archives: IDV

Di permalosi, sciarpe-manica a altre storie

23 gennaio 2017

Commenti disabilitati su Di permalosi, sciarpe-manica a altre storie

Moda-uomo-sciarpa-manica-720x437

Di gente che se la lega al dito ne è pieno il mondo. Io ne conosco uno così. Senza entrare troppo nei particolari, dovete sapere che questo tizio, all’epoca un esponente del partito Italia dei Valori, aveva proposto un comitato accoglienza UFO. Essì, proprio così. In parlamento. Io ne avevo scritto in maniera ironica sul mio blog e sul Linkiesta (ma non solo io eh? anche Giornalettismo e molti altri; la minaccia di querela l’avrà fatta anche a loro, o solo a me?), di lui e della sua proposta. Vabè dai, l’ho preso in giro. E lui l’ha presa malamente. E’ fatto così, dice un sacco di parolacce e offende le donne sul web. Ma io lo saluto ugualmente, perché non me le lego al dito le cose e so che è un mio accanito follower, che legge ossessivamente tutto ciò che scrivo: ciao Giuseppe!

Per farla breve, se l’è legata talmente tanto che in un suo recente post pubblicato su Affari Italiani e tutto dedicato a me (tutto tuttissismo, eh), con tanto di mio nome e cognome sul titolo, scrive: “Consuelo Canducci è una blogger brasileira che si diletta di giornalismo senza essere giornalista”. Usti. Andiamo per punti. Punto uno: “brasileira”. Grazie per averlo specificato, ma non vedo quale sia il problema. Ahhhhh ho capito, siamo alle solite. Le “brasileiras” che conosce Giuseppe forse sono di tutt’altra specie. Può darsi.  Secondo punto: “si diletta di giornalismo senza essere giornalista”. Dunque, caro Giuseppe, fammi capire. Per scrivere bisogna essere dei giornalisti? Chi mi segue e chi mi conosce lo sa che non ho velleità in questo senso. Non mi serve una tessera per dire ciò che voglio.

Insomma, secondo Giuseppe scriverei una marea di cazzate. E non ha nemmeno tutti i torti. Ma a me sto fatto del battibecco in rete mi stufa assai, e vi state stufando pure voi, lo sento. Tempo mezzo minuto e cambiate pagina. Ma i permalosi mi stanno antipatici. Allora, da degna cazzara che sarei e per non sconfessare la tesi di Giuseppe che mi vuole “blogger della Domenica”, oggi vi parlerò di moda, anche se è già lunedì. Leggete questa:

“L’invenzione per il prossimo inverno si chiama sciarpa-manica, un grande pezzo per avvolgere l’uomo e scaldarlo sulle braccia, intorno al busto e al collo da portare scanzonatamente ma anche elegantemente sopra l’abito giacca e pantaloni. Una sciarpa-manica mai vista, rivoluzionaria, adatta ai ritmi di oggi che può sostituire il caban e il parka e far muovere i maschi in modo contemporaneo e seducente.”

Dietro a questa diavoleria in maglia chi c’è secondo voi? Sparatene una a caso. Lui, unico e inimitabile, Giuseppe. No, scusate ho fatto casino. Volevo dire Giorgio, Armani Giorgio. Non vorrei sputtanarlo subito, che poi mi si accanisce pure lui con i post contro “la Canducci”, ma la sciarpa-manica non è poi questa invenzione. C’è da mo’. Almeno per le donne. Diamo a Giorgio se non altro il merito di averla propinata ai maschietti. Anche qui, i punti sono due. Il primo è che io, la sciarpa-manica, l’avevo indossata tempo fa. L’ho trovata ad un mercatino neo-hippie, fatta a maglia, dai colori melange (Giuseppe, correggimi tu se sbaglio lessico).

Lì per lì, mi sembrava anche intrigante come capo d’abbigliamento, ma poi mi sono chiesta: si userà sotto la giacca o sopra la giacca? Perché portata sotto, fa effetto T.Rex con le braccine che ti spuntano a malapena da sotto le maniche del cappotto; usata sopra, fa effetto camicia di forza. Non se ne esce in tutti sensi. In rete c’è anche un manuale d’istruzione su come va indossata:

sciarpone2

Ma io ho lasciato perdere, non l’ho comprata perché nella mezza stagione, poi, non serve. Fa sudare il collo e finisce che mi incricco. Ma Armani è Armani, altro che chiacchiere. Altro che me e te, caro Giuseppe. I suoi maschietti, quando indossano la sciarpa manica, sembrano tutto fuorché dei T.Rex. O dei matti da legare. Per concludere, nel comunicato stampa che accompagna la nuova linea Armani per il 2017-2018, si legge:

“Una riflessione sulla propria storia stilistica che scardina le regole sempre con molto garbo: non manca un pelliccione, non mancano una serie di curatissime doctor bag, come i completi di tessuto bellissimo a sei bottoni, illuminati da camicie bianche, oppure shearling voluttuosi sempre con un comodo e rassicurante cappuccio.”

Non so voi, ma io non ci ho capito molto. Va a finire che ha pure ragione Giuseppe. Scrivo di cose di cui non so ‘na cippa. Però io, le mie cazzate, le lascio a casa. Non le propongo in Parlamento. Facciamo così Giuseppe, se continui a seguirmi regalo una sciarpa manica pure a te. Così da sembrare un pochino più scanzonato. Ci stai?

Continue reading...

Giuseppe Vatinno propone il comitato accoglienza UFO

15 gennaio 2013

Commenti disabilitati su Giuseppe Vatinno propone il comitato accoglienza UFO

space invaders

Mi viene una parola solamente. Surreale. Stavo preparando una sorta di numero speciale del mio blog sugli UFO, così, per interesse e divertimento, e sono incappata in una serie di articoli davvero sconcertanti. No, nessuna prova dell’esistenza di omini verdi, con tutto rispetto, ma solamente la riprova che i veri omini verdi ce li abbiamo noi in parlamento. So che alcuni credono che il cavaliere in realtà sia un extraterrestre travestito da Berlusconi, ma qui si tratta di una vicenda un po’ più reale. Crisi economica, disoccupazione, dissesto idrogeologico, mafie, sanità? Ma no! Il punto qui non è la questione se esistano o meno, (ognuno è libero di crederci o no) ma la capacità dei nostri politici di rendere ridicoli argomenti che potrebbero essere gestiti e affrontati in modo serio.

Lo scorso 20 dicembre, forse sulla scia dell’imminente fine del mondo, i due deputati dell’Italia dei Valori, gli onorevoli Giuseppe Vatinno e Francesco Barbato, hanno presentato un’interrogazione parlamentare (leggi il testo) sul tema degli oggetti volanti non identificati. Nell’interrogazione, i due parlamentari chiedono se il governo italiano abbia all’attivo programmi di studio sugli UFO ed eventuali progetti nel caso di arrivo improvviso di visitatori extraterrestri. Fino qui tutto bene, può essere legittimo avere un piano di questo genere, d’altronde non sarebbe il primo paese a preoccuparsene.

La cosa davvero inquietante sono le motivazioni di questa richiesta, basate su alcuni casi secondo loro politicamente rilevanti: la grande bufala secondo la quale l’ONU avrebbe istituito un ufficio per gli “affari extraterrestri” affidato a un’astrofisica malese, Mazlan Othman. Questo ufficio (notizia che risale al 2010) farebbe riferimento a una struttura, l’UNOOSA, l’ufficio ONU per l’Outer Space (lo spazio esterno) con sede a Vienna che dal 1958 si occupa di regolamentare l’uso dell’orbita terrestre e la legislazione in materia di lanci spaziali, proprietà internazionale della Luna e degli altri corpi celesti. Il comitato di accoglienza alieno sarebbe quindi un abbaglio.

images

Altro fraintendimento le dichiarazioni a microfono spento (citando anche “The Man in Black”)del primo ministro della Federazione Russa, Dmitrij Medvedev, a un giornalista russo qualche settimana fa: erano solo una battuta che prendeva in giro le teorie complottiste sui rapporti tra UFO e governi (leggi tutto). Si aggiungano le storie raccontate da Ronald Reagan su un suo incontro ravvicinato del terzo tipo, le dichiarazioni rilasciate dall’ex ministro canadese per la difesa, Paul Hellyer, riguardo una possibile imminente guerra intergalattica tra la Terra e forze aliene; e altro ancora, tirando in ballo archivi segreti della Casa Bianca ed esperimenti misteriosi nell’Area 51:“si dice che là siano stati trasportati i resti di un disco volante, comprese le salme dei suoi passeggeri alieni, precipitato a Roswell (New Mexico) nel luglio 1947”.

La polemica è scoppiata questi giorni, quando Vatinno ha risposto insultando alcuni utenti che segnalavano la sua “particolare” interrogazione parlamentare presentata con l’onorevole Franco Barbato. Scattano commenti ironici e lui controreplica insultando gli utenti. Da lì in poi è un crescendo di risposte e commenti sempre più pesanti, cose del tipo faccia da “c…zzo” e “cybercoglionazzo”.

AntonioBorghesi, presidente dell’IDV alla camera commenta così:”L’onorevole Vatinno fa parte del gruppo Idv, ma è una persona singola e io non posso impedirgli l’attività in rete. Quello che posso dire è che a nome del gruppo Italia dei Valori, io mi dissocio nel modo più totale dal tipo di reazione e risposte che sta facendo in queste ore alle persone. Non giova al gruppo e neanche a lui”.

DownloadedFile

Chissà quante risate si staranno facendo i venusiani in questo momento (informati ovviamente in tempo reale dal noto alieno travestito da Berlusconi).

 

Continue reading...